dott. Febo Quercia - Biologo Nutrizionista +39 081 1955 0418 +39 347 570 6003 studio@feboquercia.it

Login

Mangia Bio e guadagni salute

Da qualche anno a questa parte sto consigliando, a tutti coloro desiderino imparare a mangiare, di provare a riempire la propria credenza di alimenti quanto più possibili BIOLOGICI. Non è solo una tendenza, una moda radical-chic: mangiare biologico è importante per la salute e ci sono numerosi motivi per sceglierlo ogni giorno.

Scegliere una ‘dieta biologica’ significa nutrirsi con prodotti provenienti da agricoltura e allevamento biologici e può essere intrapresa per varie ragioni, etiche, morali, o salutiste: tutte ugualmente valide soprattutto perché significa scegliere oltre al benessere alimentare, il rispetto per la natura.
Mangiare “biologico” vuol dire nutrirsi in modo sano: i cibi biologici sono infatti coltivati e prodotti senza l’aggiunta di pesticidi, additivi e concimi chimici. L’assenza di sostanze chimiche di sintesi deve interessare tutte le fasi del ciclo di produzione agricola (quindi anche la conservazione) per far sì che un cibo possa essere considerato 100% biologico. Abolendo l’utilizzo di sostanze chimiche, i prodotti biologici sono ottenuti sfruttando i cicli naturali della terra e seguendo il ritmo delle stagioni.

In poche parole, mangiare biologico significa scegliere un’alimentazione vicina e attenta ai ritmi della natura e non prevede l’impiego di organismi geneticamente modificati (OGM).

L’agricoltura biologica è regolamentata nell’Unione Europea dai regolamenti CE 834/07 e 889/08 che riguarda le norme di produzione, l’etichettatura, il sistema dei controlli e della certificazione, l’importazione da paesi extra Ue ed è valido per tutti i paesi dell’Unione Europea, ma è utile anche a:

  • agli animali, che vengono allevati garantendo loro cicli di vita più naturali, in spazi più ampi e all’aperto, nutriti solo con prodotti vegetali e rispettando il loro fabbisogno, con il divieto assoluto di utilizzo di ormoni o stimolanti artificiali della crescita.
  • Ai terreni che vengono salvaguardati grazie all’utilizzo di sostanze organiche e il ricorso a tecniche agricole che non sfruttano il suolo in modo intensivo (es. rotazione delle colture, lavorazioni “leggere”, ecc.).
  • Agli agricoltori perché l’agricoltura biologica garantisce un ambiente più salubre anche per chi vive e lavora in campagna.

C’è da ammettere che un’alimentazione Bio è una scelta più difficile da seguire (non tutti i supermercati hanno prodotti biologici) e più dispendiosa (i prezzi del biologico sono più elevati rispetto a quelli provenienti dall’agricoltura convenzionale). Un guadagno comunque lo si ha, ed è tutto in salute! Infatti, la composizione di alimenti quali frutta, verdura, cereali, carni, salumi e latticini provenienti dall’agricoltura non convenzionale possiedono una percentuale elevata e decisamente maggiore rispetto agli altri di sostanze nutritive al loro interno, il tutto provato anche semplicemente dal loro sapore più intenso e genuino: c’è maggior quantità di vitamina C, antiossidanti e minerali, calcio, ferro, cromo e magnesio, non ci sono tossine e abbondano sostanze curative e protettive che il nostro corpo assorbe con maggior rapidità.

Bambini, adulti e anziani, per tutti è importante ingerire meno sostanze tossiche possibili ed una corretta alimentazione, che include i prodotti biologici, diminuisce il rischio di assunzione di tutte queste tossine. Gli alimenti biologici, più naturali, sono anche più nutrienti e quindi più ricchi di sostanze benefiche che hanno una funzione positiva sul nostro metabolismo, sul sistema immunitario e quindi aiutano a prevenire l’insorgenza di patologie ed a ritardare l’infiammazione cellulare e quindi l’invecchiamento.

A Napoli non è facile trovare una buona selezione di prodotti biologici, il mio consiglio cade su un nuovo negozio nel centro storico: Bio’n’Celì, fateci un salto se vi fa piacere

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.